Le storie

La ragazza dei turbanti: la storia di LeSartes

Alcune storie sono speciali, diverse dalle altre. Ci fanno riflettere, insegnano come rialzarsi e andare avanti in momenti in cui il mondo sembra crollarci addosso. Sono storie che permettono di capire come un piccolo gesto possa trasformarsi in un sorriso conquistato, in un abbraccio che cambia il modo di vedere le cose. È una storia forte quella che il team di donneinstoffa ha deciso di raccontarvi questa settimana, una settimana non come le altre, quella dell’8 marzo, giorno della Festa delle Donne.

È la storia di Graziana: 30 anni, pugliese, una laurea in scienze politiche, un lavoro in una multinazionale nel settore dell’abbigliamento e la grande passione per il tessile. Il suo “LeSartes” nasce dopo mesi passati tra ansie e paure, lacrime e dolori, corsie di ospedali fatte di storie che chiedevano di essere raccontate, di donne forti che lottano, ogni giorno, contro quella brutta bestia chiamata cancro. Così come la sua mamma, alla quale nel 2016 è stato diagnosticato un tumore maligno, un macigno che arriva all’improvviso e che ti coglie impreparato.

La forza di rialzarsi e di fare qualcosa di buono per regalare un sorriso a chi ha bisogno di cure e attenzioni è il motore trainante del suo progetto. Stravolgere il significato simbolico di due accessori d’abbigliamento come fasce e turbanti – troppo spesso accostati solo ed unicamente alla cura chemioterapica – è il leitmotiv dell’attività di Graziana. Un’attività particolare, con il reinvestimento del ricavato delle vendite in donazioni, sotto forma di turbanti, per quelle donne che stanno giocando la loro partita più difficile contro una brutta malattia.

Ottimismo e gentilezza sono i due valori in cui Graziana crede di più. Due parole forti, cariche di positività davanti a situazioni complicate, che richiedono tanta forza per andare oltre le sofferenze quotidiane, per capire che il male non può annullare la bellezza.

C’è un post, sul profilo Instagram di LeSartes, che ci ha colpito particolarmente: una donna con un turbante in testa che sorride. Un selfie come tanti e la risposta della donna in foto a racchiudere l’essenza del progetto di Graziana: “Grazie di cuore per avermi donato un sorriso splendido con il vostro meraviglioso regalo. Sentirsi bella senza capelli ma con uno splendido turbante!”. È questo il segreto di “LeSartes”: donare un turbante, regalare sorrisi. Un gesto semplice, una storia che insegna.

Il racconto che abbiamo portato in scena questa settimana è carico di messaggi, di speranze e di donne forti, che hanno voglia di urlare al mondo la loro tenacia. Le parole di Graziana ci hanno fatto riflettere e commuovere. Sono parole sincere, parole che se vorrete potrete leggere sempre qui, sul nostro blog, venerdì 8 marzo, non un giorno qualunque proprio come la storia di LeSartes.

Qui sotto, intanto, vi lasciamo il link della sua pagina Instagram dove poter curiosare tra le sue creazioni:

LeSartes – Graziana De Lucia

https://www.instagram.com/le_sarte.s

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...